Mese di Maggio: cos’è, come viverlo?

Per entrare meglio in questo tempo particolare ed intenso, suggeriamo la lettura della lettera introduttiva del Papa!

Cari fratelli e sorelle,

è ormai vicino il mese di maggio, nel quale il popolo di Dio esprime con particolare intensità il suo amore e la sua devozione alla Vergine Maria. È tradizione, in questo mese, pregare il Rosario a casa, in famiglia. Una dimensione, quella domestica, che le restrizioni della pandemia ci hanno “costretto” a valorizzare, anche dal punto di vista spirituale.

Perciò ho pensato di proporre a tutti di riscoprire la bellezza di pregare il Rosario a casa nel mese di maggio. Lo si può fare insieme, oppure personalmente; scegliete voi a seconda delle situazioni, valorizzando entrambe le possibilità. Ma in ogni caso c’è un segreto per farlo: la semplicità; ed è facile trovare, anche in internet, dei buoni schemi di preghiera da seguire.

Inoltre, vi offro i testi di due preghiere alla Madonna, che potrete recitare al termine del Rosario, e che io stesso reciterò nel mese di maggio, spiritualmente unito a voi. Le allego a questa lettera così che vengano messe a disposizione di tutti.

Cari fratelli e sorelle, contemplare insieme il volto di Cristo con il cuore di Maria, nostra Madre, ci renderà ancora più uniti come famiglia spirituale e ci aiuterà a superare questa prova. Io pregherò per voi, specialmente per i più sofferenti, e voi, per favore, pregate per me. Vi ringrazio e di cuore vi benedico.

Come lo vivrà la nostra comunità?

Purtroppo sarà impossibile vivere il mese Mariano attraverso le tradizionali consuetudini. Verranno recitati due rosari comunitari lungo la settimana. La DOMENICA sera l’intento è quello di “aprire” la settimana affidandola alla protezione di Maria. La preghiera di affidamento è quella che ricorda all’uomo di non essere solo! Prosegue, poi, l’ormai consueto Rosario del MERCOLEDÍ nel quale ricorderemo i defunti della settimana. Torneremo a celebrare i Riti Esequiali ma ci sarà ancora impossibile celebrare i Rosari comunitari presso le famiglie dei defunti. Per tale motivo abbiamo ritenuto opportuno proseguire in questa direzione.

A titolo esemplificativo mostriamo qui sotto le immagini che richiameranno ai due momenti di preghiera sopracitati.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More